Dove dormire a Hong Kong: guida ai migliori quartieri e alloggi

1

Se stai organizzando un viaggio nella metropoli asiatica e ti stai chiedendo dove dormire a Hong Kong, ho preparato una guida dedicata ai diversi quartieri e zone della città, scritta con l’obiettivo di aiutarti a trovare una buona sistemazione al miglior prezzo possibile.

Hong Kong è una delle metropoli più moderne e affollate del pianeta. Il suo nome tradotto letteralmente significa “porto profumato”, una definizione che fa immediatamente pensare agli scambi commerciali del passato.

Oggi è uno dei centri finanziari più importanti (e meno regolamentati) del mondo, ed è considerato una sorta di paradiso fiscale al pari di Panama o Singapore, grazie ai suoi vantaggi legati alla tassazione.

Oltre a questi dati, agli imponenti grattacieli e ai modernissimi uffici però c’è molto altro da scoprire. Negli ultimi anni la città è diventata una delle destinazioni più apprezzate dai turisti internazionali, soprattutto grazie alle innumerevoli rotte aeree che collegano l’aeroporto internazionale con il resto del mondo.

Prima di consigliarti dove dormire a Hong Kong, è opportuno capire com’è fatta questa regione e quali sono i principali quartieri della città. In questo modo potrai farti un’idea più precisa delle attrazioni presenti in ciascuna area e decidere quale si adatta meglio al tuo itinerario. Iniziamo!

Isola di Hong Kong

È il cuore finanziario dell’intera regione, dove si concentrano i grattacieli più alti di tutta la città. Si tratta di un’area prestigiosa e moderna, sede di numerose multinazionali e imprese asiatiche. Come immaginerai, il costo della vita da queste parti è nettamente superiore ad altri quartieri di Hong Kong.

Qui troverai alcune delle attrazioni più famose della città, fra cui l’imponente Torre della Bank of China, un edificio alto 305 metri che offre una splendida vista panoramica dal 43º piano. E che dire dell’International Finance Centre, un particolare grattacielo apparso persino in molti film come Tomb Raider e Il Cavaliere Oscuro.

A qualche chilometro dal centro si trovano anche il Victoria Peak e l’Hong Kong Park, due oasi verdi di cui ti avevo già parlato in un’altra occasione. E come non menzionare la Baia di Aberdeen, una zona piena di ristoranti di pesce affacciati sul mare e case galleggianti che ricordano l’antica tradizione peschereccia dell’isola.

Certo, dormire da queste parti potrebbe rivelarsi piuttosto dispendioso; se quindi hai un budget limitato, ti consiglio di evitare l’isola di Hong Kong e orientarti su altre zone.

Kowloon

Tra i diversi quartieri di Hong Kong, Kowloon è senza dubbio quello più popolato. Nel 2006, la densità di abitanti aveva raggiunto l’incredibile cifra di 43.000 persone per chilometro quadrato. Negli ultimi anni la situazione si è ridimensionata, ma Kowloon rimane comunque uno dei quartieri più animati ed affollati di tutta la città.

I numerosi centri commerciali si alternano ai mercati di strada tipici dell’Asia, senza contare le migliaia di complessi residenziali che caratterizzano la zona.

Ma la storia di Kowloon non è sempre stata rose e fiori: dopo la Seconda Guerra Mondiale, il quartiere venne preso d’assalto da delinquenti dediti al traffico di droga, alcool e prostitute, guadagnandosi il soprannome di Città Murata. Il degrado si è protratto fino al 1994, quando le autorità hanno deciso di intervenire per restituire a questo quartiere di Hong Kong la dignità che si merita.

La Città Murata è stata demolita e al suo posto è sorto il meraviglioso Kowloon Park, un’oasi naturale oggi amata da tutti. Ma questa non è l’unica attrazione che si può visitare da queste parti: c’è anche il famoso quartiere del Tsim Sha Tsui, il Tempio Wong Tai Sin e il mercato notturno di Temple Street.

Isola di Lantau

L’Isola di Lantau è il polmone verde della metropoli di Hong Kong, un posto incantato che consente ai cittadini di allontanarsi dal caos della città per immergersi appieno nella natura circostante.

Potrai percorrere i numerosi sentieri escursionistici che si snodano tra le montagne ricoperte di boschi e foreste fino a raggiungere il Monastero di Po Lin, il tempio in cui si trova il Grande Buddha – una statua di ben 34 metri che lo ritrae seduto con le gambe incrociate.

Devi sapere che l’Isola di Lantau ospita ben 47 antichi villaggi, di cui alcuni affacciati sul mare. È il caso di Tai O, un piccolo centro di pescatori conosciuto come la “Venezia d’Oriente” per via delle palafitte che lo caratterizzano. Qui potrai arrivare se decidi di prenotare un tour, per gustare dell’ottimo pesce fresco in riva al mare, e fare un salto indietro nel tempo per rivivere le antiche tradizioni.

Come avrai intuito, la quiete regna sovrana sull’Isola di Lantau. L’unica eccezione è costituita dal parco divertimenti Disneyland Hong Kong, situato a un paio di chilometri da Discovery Bay. Ti consiglio di inserirlo nel tuo itinerario, soprattutto se viaggi con bambini, perché merita sicuramente una visita!

New Territories

Se stai cercando un hotel a Hong Kong, ti consiglio di dare un’occhiata anche alla zona dei Nuovi Territori. Parliamo delle parte più settentrionale delle città, che normalmente non viene inclusa negli itinerari di viaggio per via della posizione un po’ lontana dal centro.

In realtà, da queste parti c’è molto da scoprire: piccoli villaggi, templi buddisti e taoisti, parchi naturali e spiagge remote la fanno da padrone in questa zona di Hong Kong. Arrivarci non è difficile, visto che l’intera area è ben collegata al resto della metropoli tramite una fitta rete di trasporti.

È vero, esistono soluzioni più comode (e meglio posizionate) per alloggiare a Hong Kong qualche notte. Tutto dipende dal tempo che hai a disposizione: se non hai fretta di rientrare, potresti approfittarne per esplorare meglio la zona e risparmiare un po’ sull’albergo 🙂

I migliori quartieri dove dormire a Hong Kong

Bene, a questo punto dovresti avere un’idea più chiara di come è strutturata la città di Hong Kong; cerchiamo ora di capire qual è il quartiere migliore in cui soggiornare durante il tuo viaggio.

Se non hai problemi di budget e ami dormire in hotel di lusso dotati di tutti i comfort, ti consiglio di cercare una stanza nella zona di Tsim Sha Tsui, situata a sud della penisola di Kowloon. Da qui godrai di una splendida vista sulla baia di Hong Kong ma i prezzi degli alloggi sono generalmente più alti.

A Kowloon, invece, l’atmosfera è vibrante a tutte le ore del giorno e della notte. È sicuramente il posto più indicato per chi ama divertirsi e non teme il caos della vita notturna metropolitana.

Tieni presente che i prezzi per dormire a Hong Kong sono belli alti, per camere di buona qualità; ti consiglio dunque di prenotare con anticipo perché i posti letto finiscono in fretta. Businessmen e turisti prendono d’assalto la città durante tutto l’anno, quindi muoviti per tempo per non rischiare di rimanere a bocca asciutta.

Un’altra cosa: cerca, se puoi, di prenotare un hotel nelle immediate vicinanze di una linea della metropolitana. Così facendo sarà più facile spostarsi e visitare la città senza perdere troppo tempo né spendere una fortuna in taxi.

Hotel a Hong Kong: Central, Wan Chai, Causeway Bay, Lan Kwai Fong

Trovare un alloggio in centro è sicuramente la mossa migliore che si possa fare, ma di solito è anche quella più costosa. Hong Kong non fa di certo eccezione in questo senso, visto che i prezzi degli hotel in centro città superano abbondantemente i 100€ a notte. La comodità ha un prezzo, e anche piuttosto salato 🙂

Man mano che ci si allontana dal cuore della città, i prezzi si abbassano leggermente. È il caso del quartiere di Wan Chai oppure di Tung Lo Waan (nei pressi di Causeway Bay), ideali per fare shopping e per risparmiare sul costo dell’hotel a Hong Kong. In questa zona troverai sistemazioni per tutti i gusti e le tasche, dagli ostelli super economici agli alberghi di lusso.

Wan Chai, in particolare, è uno dei posti migliori in cui alloggiare a Hong Kong. Si trova nelle immediate vicinanze di parchi verdissimi, perfetti per trovare un po’ di rifugio dal caos cittadino. L’intera zona è ben collegata al resto della città grazie alla linea blu della metropolitana (MTR), che ti consentiranno di raggiungere tutti i luoghi di interesse in men che non si dica.

Soggiornare in quartieri leggermente defilati dal centro ti permetterà di risparmiare decine di euro sul prezzo delle camere senza allontanarti troppo dalle principali attrazioni.

Vediamo alcuni esempi; L’Hotel Causeway Bay costa circa 45€ a notte per 2 persone, ha quasi 1500 recensioni con un punteggio totale di 8.5 su 10 e si trova a 3 minuti dalla stazione della metro Tin Hau. Le camere sono spaziose e offrono una vista mozzafiato sulla baia di Hong Kong.

L’iClub Fortress Hill è un alloggio un po’ più costoso ma spesso si trovano offerte fino al 50% su Booking se prenotato con anticipo; la notte a prezzo intero per 2 persone costa 70€ e si trova a soli 4 minuti a piedi dall’omonima fermata della metropolitana.

Il Best Western Plus hotel invece si trova di fronte al Victoria Harbour e al pontile dei traghetti in partenza per Macao. Il prezzo per una stanza per 2 persone non supera solitamente i 30€.

L’ultima opzione low cost che ti voglio suggerire è il Homy Hotel Central, uno dei preferiti dai viaggiatori con un budget ridotto, per la sua posizione e per il prezzo; dai 30 ai 50€ a notte per stanza, a seconda del periodo.

Ok, ricapitoliamo: gli hotel del centro di Hong Kong sono splendidi ma molto costosi, mentre quelli situati a est del Distretto Centrale (nella zona di Wan Chai e Tung Lo Waan) sono decisamente più abbordabili. Spostandoti a ovest ci si imbatte nei quartieri di Sheung Wan e Sai Ying Pun, dove potrai avvertire quel che resta dell’atmosfera della vecchia Hong Kong a prezzi tutto sommato contenuti.

Hotel e alloggi a Kowloon: Nathan Road, Tsim Sha Tsui, Mong Kok

Se l’idea di dormire nel centro di Hong Kong non ti solletica più di tanto, puoi sempre cercare un alloggio a Kowloon. La zona di Tsim Sha Tsui, in particolare, è perfetta per chi ha solo pochi giorni a disposizione per visitare la città.

Bastano infatti 10 minuti di metropolitana per arrivare nel cuore del Distretto Centrale e 30 minuti in auto per raggiungere l’aeroporto internazionale. A Tsim Sha Tsui troverai centinaia di negozi, ristoranti e centri commerciali, nonché un sacco di mercati all’aperto tipici di questa parte dell’Asia.

Ti lascio con alcuni suggerimenti di ostelli e alloggi budget-friendly in queste zone della città 🙂 l’Hotel Sav ha un costo di circa 45/50€ a notte per una stanza adatta ad ospitare 2 persone, ha un punteggio di 8.1 su Booking e oltre 1000 recensioni positive.

L’Hop Inn è un ostello adatto per i backpackers, mentre se non vuoi badare a spese, allora prova a dare un’occhiata all’hotel di lusso Kowloon Shangri-La.

Il tuo budget è estremamente limitato? In questo caso ti suggerisco di cercare una sistemazione a Chungking Mansions, una sorta di complesso abitativo situato nel cuore di Tsum Sha Tsui. In questa specie di ostello troverai camere singole a pochi euro, ma attenzione: non prenotare prima di aver visto la stanza con i tuoi occhi, perché potrebbe rivelarsi sporca o fatiscente.

Anche i quartieri di Yau Ma Tei e Mong Kok sono l’ideale per prenotare un hotel a Hong Kong; si trovano leggermente più a nord, ma sono ben collegati alla città grazie alla metropolitana.

Dai un’occhiata inoltre alla mappa di Hong Kong qui sotto per trovare facilmente la location di tutti i luoghi di interesse e alloggi della città.

Bene, sono arrivato alla fine di questa guida su dove dormire a Hong Kong. Se hai ancora dubbi o domande a riguardo scrivimi pure nei commenti.

1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *