Viaggio in Colombia fai da te: tutto quello che devi sapere

Vuoi organizzare un viaggio in Colombia in totale autonomia? Nella mia guida puoi trovare le informazioni di cui hai bisogno per prenotare un volo economico, conoscere le principali città colombiane e i luoghi di interesse, cercare i migliori alloggi, stipulare una assicurazione di viaggio, pianificare il tuo itinerario e tutto il necessario per l’organizzazione del viaggio fai da te in questo meraviglioso Paese!

Dalla capitale Bogotá alla città dell’eterna primavera colombiana Medellín, passando per Cartagena e le sue isole da sogno, Santa Marta e il Parque Tayrona, o il mar de siete colores di San Andrés… se hai deciso di visitare la Colombia avrai solo l’imbarazzo della scelta tra mare, città, montagna e isole.

Viaggio in Colombia fai da tePin

Devi solo pianificare al meglio il tuo itinerario di viaggio in base al tempo a tua disposizione e ai tuoi interessi, ma se non sai da che parte iniziare non preoccuparti, in questa dettagliata guida troverai tante informazioni utili.

Come organizzare un viaggio in Colombia fai da te?

Ho girato in lungo e in largo questa nazione, e dato che ho ricevuto molte domande su come organizzare un viaggio in Colombia, ho deciso di scrivere questo articolo per rispondere ai dubbi più comuni e darti qualche spunto pratico per pianificare al meglio il tuo itinerario di viaggio, per cui cominciamo subito!

In linea di massima ti consiglio di avere a disposizione almeno 2 o 3 settimane di tempo per visitare i luoghi più caratteristici, quindi idealmente 14 o 21 giorni dovrebbero essere sufficienti per conoscere la Colombia.

Visto per la Colombia e documenti di viaggio

Per fare un viaggio in Colombia non serve nessun visto per noi italiani, ma assicurati di avere un passaporto in corso di validità e con scadenza non inferiore ai 3 mesi (così come suggerito dal sito Viaggiare Sicuri della Farnesina), oltre ovviamente ad alcune pagine libere per i necessari timbri.

Al tuo arrivo nel Paese ti verrà concesso l’ingresso per 90 giorni per motivi di turismo, soggiorno che puoi estendere per altri 90 giorni inoltrando la richiesta online tramite questa pagina ufficiale oppure personalmente all’ufficio di immigrazione di Bogotá che si trova a questo indirizzo:

Migración Colombia a Bogotá: Avenida Calle 100 #11B-27 – orario continuato dalle 7:30 di mattina fino alle 15:30 (chiuso il sabato e la domenica).

Il costo per estendere la permanenza per altri 90 giorni è di 110900 COP, al cambio attuale circa 27€.

Ti consiglio di avere sempre con te un biglietto aereo di uscita dal Paese, le prenotazioni degli alloggi e una bozza di itinerario di viaggio in Colombia, soprattutto nel caso in cui decidessi di fermarti per diversi mesi; non sono documenti obbligatori ma potrebbero essere richiesti per dimostrare le tue reali intenzioni legate esclusivamente all’ambito turistico e non destare sospetti in merito alla ricerca di lavoro (proibito senza un visto lavorativo apposito).

In aggiunta a questi documenti di viaggio, devi presentare il certificato di vaccinazione con schema completo o in alternativa esito negativo di tampone molecolare effettuato nelle 72 ore precedenti al volo, oppure test antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti al volo.

Prima di partire ricordati inoltre di compilare il Check-Mig, un modulo di pre-registrazione per l’immigrazione, diventato obbligatorio ormai da diversi mesi.

Clima, meteo e temperature in Colombia

Essendo la Colombia situata nella fascia equatoriale, le temperature in ogni città non variano di molto durante tutto l’arco dell’anno; Medellín ad esempio viene chiamata “la ciudad de la eterna primavera” per il suo clima mite 365 giorni.

Ci sono però zone più fredde dovute all’altitudine, come ad esempio Bogotá (2640 metri), e altre più calde, come ad esempio Cartagena, Santa Marta e tutte le città situate sulla costa.

La stagione delle piogge varia a seconda delle zone che decidi di visitare e dal periodo: a Bogotá e zone limitrofe, ci sono due periodi in genere più piovosi, che vanno da aprile a giugno e da settembre a novembre. Al contrario le due stagioni più secche si verificano nei mesi da dicembre a marzo e luglio-agosto.

Sulle coste caraibiche della Colombia invece, il clima è tropicale e caldo durante tutto l’anno, e le precipitazioni maggiori si verificano nei mesi compresi tra maggio e ottobre. In ogni caso sono piogge che solitamente durano solo poche ore e non dovrebbero rovinare troppo i tuoi piani di viaggio.

Qual è dunque il periodo migliore per fare un viaggio in Colombia? Il mio consiglio personale è di viaggiare durante il nostro inverno in Europa, quindi dai mesi di ottobre/novembre fino a febbraio/marzo (soprattutto se vuoi scappare dal freddo e dalla neve europea se come me non ami queste genere di temperature 🙂 ), anche se dipende molto in base alle zone che deciderai di visitare e dal tipo di viaggio (relax in riva al mare, culturale, all’avventura etc), in generale comunque non dovrebbero esserci condizioni climatiche troppo proibitive.

Per approfondire leggi anche le mie guide:

In linea di massima ti consiglio di portare con te sia vestiti leggeri – pantaloncini, magliette, costume – sia vestiti per affrontare le temperature più fresche di Bogotá, quindi una giacca, qualche maglioncino e pantaloni lunghi, oltre a scarpe comode per le escursioni.

Come viaggiare sicuri in Colombia e assicurazioni di viaggio

La domanda che ho ricevuto più di frequente è più o meno sempre la stessa: “Ma è sicuro fare un viaggio in Colombia?” oppure “Quanto è pericolosa la Colombia?” I pericoli senza dubbio ci sono, soprattutto in alcuni quartieri poco raccomandabili di città come Bogotá, ma con un po’ di attenzione e buon senso è possibile evitare di ficcarsi in situazioni spiacevoli.

Ho scritto una lista di consigli sulla sicurezza in Colombia che ti suggerisco di leggere prima di partire per il tuo viaggio.

Ricorda inoltre di stipulare un’assicurazione per essere protetto in caso di incidenti, smarrimenti del bagaglio o furti che potresti subire durante la tua vacanza; una polizza di viaggio costa solo pochi euro al giorno, per cui meglio spendere qualche € in più prima della partenza per evitare di sborsare grosse somme in caso di inconvenienti.

Le migliori assicurazioni di viaggio per la Colombia sono rispettivamente Allianz e AXA Assistance; usa la funzione di preventivo gratuito per verificare il costo prima di procedere con l’acquisto.

Cosa fare e cosa vedere in Colombia?

Hai solo l’imbarazzo della scelta! La Colombia è un paese che offre diversi spunti per tutti i tipi di viaggio e viaggiatori, a partire dalla capitale Bogotá e dai suoi musei, fino alle coste di Cartagena e il parco Tayrona nei pressi di Santa Marta. Vediamo nel dettaglio alcune cose da non perdere suddivise per zona e itinerario di viaggio.

La capitale Bogotá e le zone limitrofe

Dato che molto probabilmente il tuo volo atterra qui, dedicherei almeno 1 o 2 giorni alla visita di questa capitale situata a 2640 metri di altezza.

Bogota quando andare ColombiaPin

Le zone del divertimento e della gastronomia, il quartiere e mercato delle pulci di Usaquén, il centro storico e la vista mozzafiato di questa città da oltre 8 milioni di abitanti, che si può scorgere salendo sul Monserrate; sono sicuro che non ti annoierai!

Fai un salto al Museo del Oro oppure visita il Museo Nacional per saperne di più sulla storia della Colombia; a pochi passi da qui si trova anche uno dei mercati più famosi di tutta l’America Latina, il Mercado de la Perseverancia, tappa ideale se vuoi provare i piatti tipici colombiani come l’ajiaco e la bandeja paisa.

Da Bogotá puoi raggiungere in bus la regione (che in Colombia si chiama departamento) di Boyacá, per visitare il paesino coloniale di Villa de Leyva (1/2 giorni) e immergerti nella natura delle zone adiacenti al Lago di Tota, dove puoi fare camping e sport acquatici in uno scenario molto suggestivo.

Altri luoghi che puoi visitare in giornata partendo dalla capitale, sono la cattedrale di Sale di Zipaquirá e la Laguna di Guatavita, il lago conosciuto per la leggenda dell’El Dorado.

Medellín

Medellín, la ciudad de la eterna primavera, da non perdere se ami il clima mite e vuoi visitare le curiose statue dell’artista colombiano Botero, la bella cittadina di Guatapé con la sua curiosa Piedra del Peñol e la cittadina coloniale di Santa Fe de Antioquia.

Centro Medellin Cerro NutibaraPin
Vista su Medellín dal Cerro Nutibara, dove si trova il Pueblito Paisa

Se ami la vita notturna la zona ideale per locali, bar e ristoranti è quella del Parque Lleras e Provenza, dove troverai anche alloggi, hotel e ostelli per tutte le tasche. Imperdibile la Comuna 13, per conoscere la storia di quello che un tempo era il barrio più pericoloso al mondo.

In questo caso ti consiglio di fermarti almeno 2 o 3 giorni per poi spostarti a Jardín oppure a Jericó, due coloratissimi paesini situati sulle montagne del dipartimento di Antioquia dove potrai prendere parte ad un tour del caffè.

Eje Cafetero

Se ti piace il caffè non devi assolutamente perdere anche la zona dell’Eje Cafetero, dove si trovano le piantagioni di caffè più importanti della Colombia.

Tour Caffe Eje CafeteroPin

Parti da Pereira e visita il pueblo coloniale chiamato Salento oltre alla Valle del Cocora; itinerario di viaggio di 4/5 giorni, per avere il tempo inoltre di passare da Cali se sei un’amante della salsa.

Costa colombiana: Cartagena e Santa Marta

Altra tappa imperdibile del tuo viaggio in Colombia fai da te è Cartagena, con il suo meraviglioso centro storico protetto dalle mura (2/3 giorni); da qui puoi visitare le spiagge di Barú e l’isola di Tierra Bomba, un piccolo paradiso a pochi minuti di navigazione in lancia dalla costa di Bocagrande.

Santa Marta è invece la città più antica della Colombia (fondata nel 1525 dallo spagnolo Rodrigo de Bastidas), da qui puoi raggiungere facilmente il Parque Tayrona e immergerti nella natura con il trekking alla Ciudad Perdida, ma tieni presente che quest’ultimo è abbastanza impegnativo, ci vogliono infatti 4/5 giorni per completarlo.

Visitare Parco Tayrona ColombiaPin

Tra le due città fai una sosta a Barranquilla soprattutto se ti trovi in Colombia durante il periodo del famoso carnevale, che si svolge solitamente nel mese di febbraio.

San Andrés

Acqua cristallina, palme e isole sperdute in mezzo al mare; il paradiso esiste! Ecco perché devi visitare San Andrés e le spiagge caraibiche di questa località della Colombia che puoi raggiungere in aereo partendo da Bogotá e Medellín con la compagnia aerea low cost Viva Air.

Tieni presente che bisogna pagare una tassa per visitare questo arcipelago, che al momento di scrivere questa guida è di 99000 COP (circa 24,50€) da pagare direttamente in aeroporto.

Sport estremi a San Gil

San Gil è una cittadina conosciuta per gli sport estremi; si trova nelle vicinanze di Barichara, un paesino dall’architettura coloniale molto caratteristico, a circa 25 km di distanza. Le due località sono ben collegate con bus locali e 2 o 3 giorni sono più che sufficienti per visitarle entrambe.

Altre località

Altri luoghi che puoi inserire nel tuo itinerario di viaggio in Colombia fai da te se hai più tempo a disposizione sono:

  • Deserto del Tatacoa;
  • Leticia e Amazzonia;
  • Minca;
  • Palomino;
  • Taganga;
  • Isole del Rosario;
  • Caño Cristales;
  • Santuario di Las Lajas a Ipiales;
  • Parco Archeologico di San Agustín;
  • Popayán, la città bianca;
  • Santa Cruz de Mompox;
  • La Guajira e zone limitrofe.

Voli per la Colombia

Al momento di scrivere questo articolo, purtroppo non ci sono voli diretti dall’Italia per raggiungere la Colombia. I voli più economici partono dalla Spagna, per cui dovrai fare scalo a Barcellona oppure a Madrid (aeroporto Barajas) per arrivare a Bogotá o Medellín direttamente dall’Europa.

Tieni presente che un volo A/R dalla Spagna costa solitamente sui 460/520€ a seconda del periodo; per trovare le migliori tariffe prova ad effettuare una ricerca su Skyscanner e cerca di essere flessibile con le tue date di viaggio.

Prelevare al Bancomat in Colombia

Gli ATM o cajeros in spagnolo (i nostri bancomat) sono presenti ovunque, ma alcuni applicano una commissione su ogni prelievo, come nel caso delle banche colombiane Bancolombia e Banco de Bogotá; al contrario se prelevi agli sportelli della banca BBVA da lunedì a venerdì non ci sono commissioni extra.

Verifica comunque con la tua banca italiana prima della partenza eventuali commissioni per prelevare fuori dall’area €, e porta con te qualche euro o dollaro americano da cambiare in pesos per essere sicuro di non rimanere senza contanti durante il tuo viaggio.

La maggior parte delle banche della Colombia inoltre hanno un limite di 300000 pesos colombiani per ogni prelievo, fino a 900000 COP giornalieri.

Secondo la mia esperienza personale, le migliori carte di debito e prepagate da utilizzare durante un viaggio in Colombia sono N26 e Revolut che ho utilizzato spesso senza grossi problemi.

Ricorda inoltre di non girare per le strade con grosse quantità di denaro e per motivi di sicurezza utilizza bancomat situati all’interno di banche o centri commerciali.

Wi-Fi, come rimanere connessi a internet?

Se per motivi di lavoro (se ad esempio sei un nomade digitale) o semplicemente per rimanere in contatto con amici e parenti rimasti a casa, hai bisogno di restare connesso a internet durante il tuo viaggio in Colombia, ti consiglio di acquistare una SIM di una qualsiasi compagnia telefonica colombiana.

La compagnia principale si chiama Claro e una SIM card per il tuo cellulare o smartphone, abbinata ad un piano dati di 9 GB valido per 30 giorni, ha un costo di 30000 COP (circa 7,5€).

Le altre compagnie telefoniche della Colombia sono Tigo, WOM e Movistar se vuoi fare un confronto delle tariffe prima di partire.

Trasporti in Colombia

Muoversi in Colombia è abbastanza economico ma date le larghe distanze tra una città e l’altra il mio mezzo di trasporto preferito è senza dubbio l’aereo; le due compagnie low cost principali sono Viva Air e Wingo, che offrono spesso voli a 20/30€ se prenotati con qualche settimana di anticipo.

Puoi utilizzare anche i bus per viaggi notturni e taxi o Uber per spostamenti all’interno delle città; i costi sono molto contenuti rispetto alle tariffe a cui siamo abituati in Italia.

Leggi i miei consigli su come muoversi in Colombia per conoscere nel dettaglio tutti i trasporti disponibili nel Paese.

Cosa mangiare in Colombia?

Ogni regione ha un piatto tipico che devi assolutamente provare durante il tuo viaggio in Colombia. Ma quali sono i piatti principali della cucina colombiana? Ecco qui una breve lista dei più conosciuti:

  • Ajiaco;
  • Bandeja paisa;
  • Lechona;
  • Patacones e arepas;
  • Buñuelos;
  • Pandebonos;
  • Mondongo e sancocho.

Da provare inoltre il caffè – il locale per eccellenza dove assaggiarlo si chiama Juan Valdez, una catena che troverai in tutte le principali città colombiane – la limonada de coco e l’aguardiente.

Alloggi, hotel e ostelli in Colombia

Dove dormire in Colombia? Dipende tutto dal tuo budget e dal tuo spirito di adattamento, ci sono ovviamente alloggi per tutte le tasche e di tutti i tipi, che puoi cercare su portali come Booking o sui migliori siti web per prenotare hotel per tutte le tasche.

Alcuni consigli pratici nella scelta del tuo hotel o ostello: verifica sempre la zona in cui si trova e i servizi che offre una determinata struttura, controlla inoltre se la tassa di soggiorno è compresa nel prezzo finale oppure va pagata al momento del check-in all’hotel scelto.

Dovrebbe esserci proprio tutto quello di cui hai bisogno per organizzare un viaggio in Colombia fai da te e in tutta sicurezza; se ho dimenticato qualcosa, o se hai altri dubbi, scrivimi pure nei commenti! E non dimenticare di raccontarmi la tua esperienza in questo meraviglioso Paese 🙂

Gianluca Orlandi

Viaggio con solo bagaglio a mano dal 2013 e cerco di farlo sempre spendendo il meno possibile. Su questo blog di viaggi condivido consigli, trucchi, guide sulle principali compagnie aeree e articoli sulle città e Paesi che ho visitato personalmente. Seguimi su Facebook e su Instagram oppure leggi gli ultimi articoli e notizie su Google News cliccando qui e selezionando la stellina in alto a destra. Se questo articolo ti è stato utile puoi sostenere Viaggiare Gratis al costo di un caffè e iscriverti gratuitamente alla newsletter.




Scarica l'app gratuita di Viaggiare Gratis!

App Store badge
Google Play badge

10 commenti su “Viaggio in Colombia fai da te: tutto quello che devi sapere”

  1. Ciao Gianluca
    Io ad agosto sto facendo la pazzia di voler partire per la Colombia, precisamente da Bologna a Cali.
    Non ho mai viaggiato fuori Italia e ho molte paure
    Ma la voglia di rivedere la persona che mi sono innamorato pazzamente e troppa.
    Purtroppo posso partire solo nel mese di agosto per le ferie
    Ho visto i biglietti e superano di molto le mie risorse
    Sai se ci sta la possibilità di trovare offerte di voli economici?
    Poi il fatto di non rimanere senza internet la scheda là si può trovare qui in Italia

    Rispondi
    • Ciao Sebastiano, per Agosto è difficile purtroppo trovare buone offerte, dato il periodo, però puoi provare a fare qualche scalo e partire eventualmente da Madrid. Controlla le compagnie aeree Avianca, Iberia e Air Europa che spesso offrono voli A/R sui 400/500€.

      Per quanto riguarda invece la SIM dovresti riuscire a trovarla in aeroporto al tuo arrivo, o comunque in un qualsiasi negozio di telefonia o centro commerciale.

      Rispondi
  2. Ciao Gianluca, leggo che sei stato in Colombia ben 10 mesi. Sono in attesa del nuovo passaporto e vorrei partire entro Novembre per la Colombia senza definire una data di ritorno. Leggo però sul sito viaggiaresicuri che è necessario il biglietto di ritorno.

    Tu come fai?

    Rispondi
    • Ciao Rocco, ora vivo qui e ho un visto da residente, per questo motivo sono riuscito a fermarmi 10 mesi 🙂

      In ogni caso ti consiglio di avere almeno un biglietto di uscita dal paese, quello che hai letto è vero e potrebbero farti storie in caso di non poter dimostrare la data di uscita dalla Colombia.

      Puoi eventualmente effettuare una prenotazione qualche giorno prima di entrare nel paese e cancellarla con servizi come Expedia e credo anche eDreams (ma non ho mai provato con quest’ultima), oppure ci sono siti che ti permettono di ottenere un biglietto d’uscita “provvisorio” al costo di 10/15 USD (cerca su Google Onward Ticket).

      Buon viaggio!

      Rispondi
  3. Hola vorrei sapere quanto costa affittare un appartamento in Santa Marta in temporada baja, full equipado dos meses una persona. Grazie Giancarlo

    Rispondi
    • Ciao Giancarlo, i prezzi variano molto dalla zona, ad esempio su Airbnb si trovano appartamenti a partire da 250€ mensili fino a 700€ (nelle aree del centro, Rodadero e Taganga). Prova a valutare tu stesso in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti, così puoi farti un’idea più accurata sui costi degli alloggi.

      Rispondi
  4. ciao!!! Ho trovato tutto molto interessante. a fine giugno andrò in Colombia e per la precisione in Armenia. Ho letto che tu consigli gli euro da poter cambiare on la moneta locale, in altri siti ho letto di cambiare con i dollari. Aiutami sono confusa!!!! grazie ciao Stefania

    Rispondi
    • Ciao Stefania, grazie per il tuo messaggio!

      Nelle grandi città come Bogotà o Medellin non avrai problemi a cambiare sia euro che dollari, per cui valuta personalmente cosa ti conviene portare anche in base al tuo itinerario di viaggio in Colombia.

      Rispondi
  5. Ciao Gianluca, sono Gio e lunedi prossimo sw tutto va come deve io e la mia compagna saremo a Bogotà. Solitamente, noi viaggiamo solo volo, senza prenotazioni fatte in anticipo e ci piace attraversare i paesi che visitiamo via terra e spingerci fin dove è possibile, nel rispetto del buon senso (confini tra stati compresi= pura goduria) . Quindi, il nostro piano x la Colombia consiste nel aver prenotato un hotel a Bogotà x 3gg ( volendo anche più se ci va di restare ). Dopo di che, avendo a disposizione 1/ 2 mesi, vorremmo noleggiare una piccola auto ( 20/25 euro al gg ) e vagare per il paese destinazione nord, passando per Armenia/Pereira, proseguendo per Medellin e cosi via fino a raggiungere il nord: Cartagena, S.Marta, Barranquilla e tutta la penisola della guajira. Poi tornare a Bogotà percorrendo la strada a est del paese, che da Barranquilla passa per Bucaramanga ( con l’opzione di riconsegnare auto e prendere un volo da Cartagena x Bogotà se stanchi di guidare. Data la tua esperienza in Colombia, vorrei chiederti se hai qualche indicazione aggiuntiva, consigli ecc… Grazie in anticipo e complimenti per il tuo blog!

    Rispondi
    • Ciao Gio, bellissimo itinerario di viaggio, complimenti! Forse come unico accorgimento vi suggerirei di evitare di guidare di notte sulle strade meno trafficate, per il resto se avete altre domande chiedi pure!

      Buon viaggio in Colombia 🙂

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi dell'articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679. Leggi la privacy policy completa.

5
Condividi su: