Cosa vedere a Budapest in 2 o 3 giorni, mappa e itinerario di viaggio

Shares

Hai intenzione di trascorrere qualche giorno di vacanza nella capitale dell’Ungheria? Sono certo che ti stai chiedendo cosa vedere a Budapest durante il tuo breve soggiorno. Non ti preoccupare, perché ho preparato una piccola guida a cui potrai fare riferimento per organizzare il tuo itinerario di viaggio nella magica città magiara.

Quando si ha poco tempo a disposizione, l’istinto è quello di camminare in lungo e in largo dalla mattina alla sera, cercando di vedere quante più cose possibile. Così facendo però, si rischia di visitare superficialmente monumenti e attrazioni che invece richiederebbero più tempo di quello preventivato.

Cosa vedere a Budapest

Il mio consiglio, in questi casi, è di selezionare solo i luoghi di interesse di Budapest che ti interessano di più e dedicargli il tempo che si meritano. Potrai sempre vedere il resto durante il prossimo viaggio 😉

Cosa vedere a Budapest in 2, 3 o 4 giorni

Poche città europee sprigionano un fascino paragonabile a quello di Budapest, la splendida capitale ungherese che sorge lungo le rive del Danubio. Non a caso, viene spesso definita come la Parigi dell’Est: c’è un fiume che taglia in due la città, una collina da cui ammirare il panorama e sontuosi palazzi che impreziosiscono le vie del centro.

L’Ungheria fa parte dell’Unione Europea ma ha deciso di non adottare la moneta unica. La valuta ufficiale del Paese è il fiorino ungherese (HUF) che, al momento della redazione di questo articolo, vale 0,003€. Ricordati di cambiare una piccola somma di denaro al tuo arrivo nel Paese, in modo da avere dei contanti sempre a disposizione.

Come arrivare in centro a Budapest dall’aeroporto

I fiorini ti serviranno al tuo arrivo in aeroporto a Budapest, per prendere la metro e il bus e raggiungere il centro della città. Le opzioni a tua disposizione sono due; la linea di bus 100E e la linea 200E.

Il bus 200E opera tra il Terminal 2 dell’aeroporto fino alla stazione della metro Nagyvárad tér (fino a qualche tempo fa era la fermata Kőbánya-Kispest ma al momento è chiusa per lavori); da qui puoi raggiungere facilmente il centro in metro sulla linea M3. Durante il weekend esiste un bus sostitutivo che opera tra le fermate di Nagyvárad tér e Lehel tér, mentre la notte dalle 23:00 alle 4 di mattina puoi prendere uno dei seguenti bus notturni: 914, 914A, 950 and 950A.

Il biglietto costa 350 HUF se acquistato all’ufficio postale dell’aeroporto, oppure 450 HUF se acquistato direttamente sul bus.

Il bus 100E invece è un servizio che opera tra l’aeroporto e la piazza Deák Ferenc tér nel centro di Budapest, con fermate presso le stazioni della metropolitana di Kálvin tér M e Astoria M. In questo caso il costo del biglietto è di 900 HUF (circa 2,7€) e il bus parte ogni 20 minuti dal terminal 2, dalle 5 di mattina fino alle 1:20 di notte.

Esiste inoltre un transfer privato che ti porterà direttamente al tuo hotel, è particolarmente utile se viaggi con un gruppo numeroso, infatti ha un costo a partire da 28€ fino a 4 persone. Puoi trovare maggiori informazioni e prenotarlo tramite questo link.

Dopo questa breve introduzione, sei pronto a scoprire cosa fare a Budapest, Ungheria durante un paio di giorni di vacanza? Allora non perdiamo altro tempo, cominciamo!

Quartieri di Buda e Pest

Forse non lo sai, ma la città di Budapest è nata dall’unione di due località differenti situate sulle rive opposte del Danubio. Il quartiere di Buda è stato unificato con l’abitato di Pest nel 1873, dando origine alla città che tutti conosciamo.

A partire dal 1541, la zona di Buda ha subito le conseguenze della dominazione turca che si è protratta per i successivi 150 anni. Questo periodo ha avuto un’intensa influenza sull’aspetto della città e sui modi di vivere degli abitanti: iniziarono a sorgere moschee in ogni dove, insieme a bagni turchi e minareti.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Buda venne completamente distrutta. Ci vollero diversi anni per completare la sua ricostruzione, che terminò nei primi anni Cinquanta. Possiamo quindi considerare il quartiere di Buda come la parte più antica della città.

La zona di Pest invece, è decisamente più moderna e innovativa. È impensabile recarsi in questa zona senza passeggiare lungo il Viale Andrássy, una strada lunga 2,5 km che collega il centro del quartiere a Városliget, il parco cittadino. Lungo la via si trovano caffetterie storiche, teatri, negozi di lusso e antichi palazzi che danno vita a uno scenario unico nel suo genere.

Parlamento di Budapest (Országház)

Hai notato che il Parlamento Ungherese somiglia molto a quello di Londra? Non potrebbe essere altrimenti, visto che l’architetto Imre Steindl si ispirò proprio all’edificio inglese per progettare la costruzione del Parlamento di Budapest.

I lavori iniziarono nel lontano 1885 per terminare nel 1904. Ci sono voluti quasi vent’anni per costruire uno degli edifici parlamentari più grandi al mondo! In totale, il complesso occupa una superficie di 18.000 metri quadri ed è composto da 691 locali. Impressionante, vero?

visitare Budapest Parlamento

Nella tua lista di cosa vedere a Budapest, una visita al Parlamento locale è d’obbligo. Potrai ammirare da vicino la celebre Sala della Cupola che custodisce al suo interno la sacra corona indossata da Re Stefano (dichiarato Santo nel 1083), una reliquia a cui gli ungheresi sono molto legati.

La visita guidata al Parlamento di Budapest costa circa 10€ e si può fare tutti i giorni della settimana, dalle 08.00 alle 18.00 durante l’estate, oppure dalle 08:00 alle 16:00 in inverno.

Memoriale dell’Olocausto: le scarpe sulla riva del Danubio

Scommetto che ti sarà capitato di vedere qualche fotografia di uno strano monumento situato proprio a Budapest. Mi riferisco alle decine di scarpe messe in fila lungo le rive dal Danubio, che a una prima e distratta occhiata potrebbero anche sembrare autentiche.

In realtà si tratta di riproduzioni in bronzo realizzate dallo scultore Gyula Pauer. L’installazione artistica è stata inaugurata nel 2005 – in occasione della Giornata della Memoria – per commemorare il 60º anniversario della Shoah.

capitale Ungheria

Ma perché l’artista ha scelto di rappresentare sessanta paia di scarpe abbandonate lungo le rive del fiume? Per ricordare un massacro avvenuto proprio a Budapest durante la Seconda Guerra Mondiale, quando un gruppo di cittadini ebrei venne imprigionato e poi assassinato lungo le sponde del Danubio.

I cadaveri vennero gettati nel fiume e trascinati via dalla corrente. Le loro scarpe, invece, sono rimaste lì, ben salde alla riva a ricordo di questo triste episodio. Per vederle, ti basterà scendere i pochi gradini che dalla piazza del Parlamento conducono al fiume.

Il Ponte delle Catene e la funicolare

Tra le cose da vedere a Budapest, c’è anche un ponte che vanta una storia piuttosto particolare. Mi riferisco al Ponte delle Catene, costruito per volere del Conte ungherese István Széchenyi nel 1849.

Fino ad allora, Buda e Pest erano due città indipendenti separate dalle acque del Danubio. Durante l’estate, però, i due centri venivano collegati tramite ponti galleggianti che venivano poi rimossi con l’arrivo dei primi freddi.

Si narra che il padre del Conte Széchenyi morì improvvisamente mentre si trovava a Pest, e che il figlio non avesse potuto raggiungerlo prima di 6 giorni a causa dei blocchi di ghiaccio che impedivano il passaggio tra le due città. István giurò che avrebbe donato il denaro necessario a per la costruzione di un ponte fisso, che collegasse Buda a Pest per sempre.

Così nacque il Ponte delle Catene, che prende il nome dalle decorazioni che adornano la struttura lunga 202 metri. Durante la Seconda Guerra Mondiale venne distrutto dai nazisti, ma venne subito ricostruito e inaugurato nuovamente nel 1949, a cent’anni esatti dalla prima costruzione.

Si può attraversare a piedi oppure in macchina e, una volta arrivati nel quartiere di Buda è possibile salire a bordo della funicolare che conduce al Castello di Buda, situato nelle immediate vicinanze. La teleferica è attiva dalle 07.30 alle 22.00, e il costo di un biglietto a/r è di 2000 HUF, circa 6€.

Il Castello di Buda e la Galleria Nazionale

Una volta saliti sulla funicolare del Ponte delle Catene, bastano pochi minuti per arrivare in cima alla spianata del Castello di Buda, da cui è possibile ammirare tutta la città. Inutile dire che la vista da lassù è magnifica, specialmente al tramonto. Se non vuoi prendere la funicolare e risparmiare qualche euro, puoi fare una camminata di circa 15/20 minuti in salita.

Il maniero è conosciuto anche con il nome di Palazzo Reale perché, un tempo, costituiva la residenza ufficiale dei reali d’Ungheria. La struttura venne distrutta e ricostruita più volte nel corso della storia, prima per mano degli invasori turchi e poi per colpa dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Nel 1950 venne ricostruito definitivamente, ed entrò a far parte del Patrimonio UNESCO a partire dal 1987.

I giardini del Castello sono aperti 24 ore su 24, sia di giorno che di notte, e sono accessibili gratuitamente. Per visitare il maniero, invece, occorre pagare un biglietto che comprende anche l’ingresso alla Galleria Nazionale e al Museo di Storia situati nelle vicinanze. Il prezzo è di 5,60€ per la prima e 6,20€ per il secondo.

Ma che cos’è la Galleria Nazionale? Si tratta di un museo d’arte che raccoglie le opere di artisti ungheresi dal medioevo ai giorni nostri. La maggior parte della collezione è composte da dipinti, mentre la restante parte comprende sculture di legno gotiche, stampe, illustrazioni e monete.

Pagando un piccolo sovrapprezzo è possibile accedere alla cupola del Castello di Buda passando per la Galleria d’Arte. La scalinata è composta solo da 56 gradini, un piccolo sforzo che verrà ampiamente ripagato una volta arrivati in cima. Possono accedervi solo 15 persone alla volta (a causa dello spazio ristretto), un fattore che rende l’esperienza ancora più speciale!

Il Bastione dei Pescatori e la vista sulla città

Probabilmente ti starai chiedendo che cos’è il Bastione dei Pescatori, pensando a chissà quale stranezza di monumento. La verità è che la risposta è molto più semplice di quello che credi ed è una delle cose più belle da vedere a Buda: si tratta semplicemente di un bastione situato sulla collina, da cui è possibile ammirare il panorama di Pest in tutto il suo splendore.

cosa vedere a Buda bastione dei pescatori

Lo spazio è arricchito da una scultura realizzata in stile neogotico e neoromantico, un omaggio alle 7 tribù ungheresi che hanno poi dato vita al Regno d’Ungheria (simboleggiate da 7 torri diverse). Al centro campeggia un’imponente statua equestre di Santo Stefano, il primo re ungherese – e tutt’ora il più amato dal popolo. Da qui potrai godere della miglior vista possibile sul Parlamento di Budapest.

La Chiesa di Mattia (Mátyás-templom) e la vista sulla città

Terminata la visita al Bastione potrai proseguire il tuo tour alla Chiesa di San Mattia, che si trova giusto a fianco del Castello di Buda. Si tratta della chiesa cattolica più antica e conosciuta della città, un capolavoro in stile neogotico costruito fra il XIII e il XV secolo.

È dedicata alla Vergine Maria e per questo è stata soprannominata “Chiesa di Nostra Signora” (nome completo: Nostra Signora Assunta della Collina del Castello). Ma allora perché viene comunemente identificata col nome di Chiesa di Mattia? Per rispondere a questa domanda dobbiamo tornare indietro nel tempo fino al 1470, quando il re Mattia il Giusto decise di ristrutturarla riportandola all’antico splendore. Il popolo gli fu talmente grato che iniziò a chiamarla in quel modo.

Nel corso dei secoli, sovrani appartenenti a diverse dinastie sono stati incoronati proprio all’interno della Chiesa di Mattia. Oggi, il santuario ospita abitualmente concerti d’organo e di musica classica (che di solito si tengono ogni venerdì sera durante i mesi di luglio e agosto). Un’esperienza da vivere!

Le terme di Budapest: Széchenyi e Gellért

Chi non ha mai sentito parlare delle terme di Budapest o visto qualche foto sul web di questi meravigliosi bagni termali? Ogni anno, migliaia di turisti si recano in città al solo e unico scopo di trascorrere una vacanza rilassante in uno dei numerosi stabilimenti termali del posto.

Le prime terme di Budapest vennero fondate dagli antichi Romani, ma è solo durante la dominazione turca che la fama della capitale cresce fino a guadagnarsi l’appellativo di città termale con cui è conosciuta ancora oggi.

Esistono centinaia di sorgenti termali nella capitale ungherese, ma credo che nella lista di cosa vedere a Budapest dovresti inserirne due in particolare: mi riferisco a Széchenyi e Gellért.

terme Budapest luoghi di interesse

Lo stabilimento di Széchenyi, in particolare, è diventato uno dei più amati sia dai turisti che dai locali. Venne ultimato e inaugurato nel 1913, e si compone di una piscina all’aperto, una vasca al coperto con tetto apribile e di una splendida terrazza da cui ammirare la natura circostante.

Il suo caratteristico stile Belle Époque ti darà l’impressione di trovarti in un’altra era, in un luogo che è riuscito a conservare intatto il suo fascino nonostante l’inesorabile scorrere del tempo. Anche lo stabilimento termale di Gellért ha il suo fascino, e credo che entrambi meritino una visita.

Il costo di un’intera giornata alle terme di Budapest è di circa 18€, comprensivo dell’uso della cabina. Un ottimo affare, vero?

Piazza degli Eroi (Hősök tere) e Museo di Belle Arti di Budapest

Proseguiamo il nostro tour di cosa fare e cosa vedere a Budapest spostandoci nella zona del centro, dalle parti del parco Varosliget. Poco più in là c’è una bellissima piazza, su cui si affaccia anche il Museo di Belle Arti della città.

Sto parlando di Piazza degli Eroi, uno spazio dominato da una colonna alta ben 36 metri e sormontata dall’Arcangelo Gabriele. Sotto di lui, notiamo le 7 statue equestri dedicate ai capi tribù ungheresi che hanno contribuito alla creazione del Regno d’Ungheria. Sì, esattamente le stesse del Bastione dei Pescatori!

E indovina un po’? Anche questo monumento fa parte del Patrimonio Mondiale UNESCO dal 2002. Potresti fermarti ad ammirarlo mentre ti dirigi alla Galleria d’arte Műcsarnok o al Museo di Belle Arti, situato a pochi passi da lì.

Gli appassionati d’arte di sicuro non sapranno resistere al richiamo delle opere di Giotto, Raffaello, Goya e Rubens, giusto per citarne alcuni. In realtà il Museo è diviso in ben 6 sezioni diverse, che spaziano dall’antichità greco-romana all’Antico Egitto, fino ad arrivare ai giorni nostri. È sicuramente una tappa imperdibile!

Isola Margherita (Margit-sziget)

Ecco un’oasi di pace nel bel mezzo della città. L’isola Margherita si trova proprio al centro del Danubio ed è facilmente raggiungibile a piedi o in bicicletta, basta infatti attraversare l’omonimo ponte che la separa dal centro.

L’isolotto è costellato da prati verdi, alberi e fiori di ogni forma e colore. Si tratta di un vero e proprio parco naturale che si estende per 0,9 km², impreziosito da una bellissima fontana che zampilla al ritmo di musica classica.

Gli abitanti di Budapest sono soliti venire da queste parti quando vogliono godersi qualche ora di relax, lontani dal caos e dalla frenesia cittadina. Potrai ammirare la bellezza dell’Isola Margherita in ogni momento dell’anno, lo scenario è davvero magico!

Basilica di Santo Stefano (Szent István Bazilika)

La Basilica di Santo Stefano è uno dei principali monumenti e luoghi di interesse di Budapest e si trova proprio nel cuore della città. Un tempo, lì sorgeva una sorta di teatro che ospitava combattimenti tra animali.

Agli inizi del 1800 un gruppo di persone iniziò a raccogliere i fondi necessari per costruire una chiesa su quello stesso suolo. Fu così che venne fondata la Basilica di Santa Stefano, la cui costruzione richiese circa 54 anni.

Decorata in stile neoclassico, la chiesa è caratterizzata da marmi pregiati e mosaici che la rendono una delle attrazioni più visitate di tutta la città. Al suo interno viene anche custodita la reliquia della mano destra di Santo Stefano, venerata dai fedeli di tutto il mondo.

Sapevi che la cupola della Basilica è alta 96 metri, proprio come il palazzo del Parlamento? Pare che questo fatto simboleggi la parità tra il potere spirituale e quello temporale, da sempre contrapposti e in lotta tra di loro.

Váci utca, centro di Budapest

Basta allontanarsi un po’ dalla chiesa per arrivare in Váci Utca, la via più movimentata della città. Qui troverai tantissimi negozi, bar, ristoranti e locali notturni in cui assaporare l’atmosfera di Budapest. È senz’altro una delle zone più turistiche della città, perciò ti consiglio di evitarla se sei in cerca di esperienze più autentiche.

Dove mangiare a Budapest? Il Mercato Centrale (Nagycsarnok)

Percorrendo Váci Utca fino alla fine, si arriva al Mercato Centrale di Budapest. In città ce ne sono addirittura cinque, ma Nagycsarnok è il più grande (e il più antico) di tutti. Si trova nel quartiere di Pest, nelle vicinanze del Ponte della Libertà.

Mercato Budapest cosa vedere

Come gran parte dei monumenti e degli edifici di Budapest, anche il Mercato Centrale è stato danneggiato durante la guerra. Venne restaurato definitivamente nel 1990, anno che l’ha consacrato come una delle attrazioni turistiche più popolari della città.

Passeggiando tra le bancarelle si possono gustare moltissime pietanze a prezzi abbastanza economici: carni e salumi, dolci e caramelle e vini come il tokaji, tipico della zona. Ai piani superiori troverai anche negozi di souvenir e ristoranti in cui sedersi a mangiare qualcosa. Ti è già venuta fame? 😉

Mappa di Budapest

Come avrai notato dalla mia guida, sono tantissime le cose da fare e vedere a Budapest ed è necessario selezionare le principali attrazioni per organizzare al meglio il tuo itinerario, soprattutto se hai disposizione solo 2 o 3 giorni per scoprire le meraviglie della città.

Tra gli aspetti positivi c’è da dire che la capitale dell’Ungheria non è una città molto estesa e puoi spostarti facilmente a piedi, per cui sarà meno complicato visitarla anche durante una breve visita o weekend.

In ogni caso ho indicato nella mappa qui sotto i 23 luoghi di interesse di Budapest menzionati nell’articolo, così potrai pianificare al meglio il tuo viaggio e trovare rapidamente tutti i monumenti e le attrazioni più importanti della città.

Ingrandisci la mappa di Budapest e salvala nei tuoi preferiti per consultarla prima della partenza!

Meteo a Budapest

Qual è il miglior periodo per visitare la capitale ungherese? La primavera e l’estate sono le stagioni in cui il clima è più gradevole, anche se Budapest può essere visitata durante tutto l’anno. Le temperature in autunno e inverno invece possono scendere notevolmente, ma nel periodo natalizio è possibile visitare i mercatini di Natale e godere delle terme.

Ci sono tanti voli economici per Budapest dalle principali città italiane, ti consiglio di usare Skyscanner per scovare le migliori offerte e prenotare il tuo viaggio.

Hotel e alloggi a Budapest

Il quartiere migliore per alloggiare a Budapest è il centro, o Pest; qui troverai il maggior numero di alloggi, hotel e ostelli per tutte le tasche. Se preferisci un appartamento, ti consiglio di utilizzare questo codice sconto Airbnb per risparmiare 23€ sulla tua prima prenotazione. Se invece stai cercando un hotel o ostello, consulta Booking per trovare offerte e sconti.

Bene, siamo arrivati alla fine del nostro giro turistico per Budapest. Spero di averti dato una mano a definire meglio le tappe del tuo itinerario, ma se dovessi avere ancora qualche domanda a riguardo non esitare a scrivermi nei commenti!

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *