Passaporto sanitario digitale: cos’è e come funziona lo IATA Travel Pass

Passaporto sanitario digitale per tornare a viaggiare normalmente nel 2021; se ne parla sempre di più in questi giorni e fra qualche mese sarà realtà per poter volare. Ma di cosa si tratta e come funziona? Quali sono le aziende che stanno sviluppando questa nuova app per contrastare i contagi dovuti al Covid-19 e quali aerolinee la richiederanno? Guarda la storia dedicata allo IATA Travel Pass (passaporto vaccinale) o continua a leggere l’articolo.

Il passaporto sanitario Covid è l’iniziativa che le compagnie aeree e i governi stanno valutando per monitorare lo stato di salute dei passeggeri e aprire nuovamente le frontiere in maniera sicura, non solo quelle europee ma di tutto il mondo.

passaporto vaccinalePin

L’iniziativa più importante è quella di IATA, che sta sviluppando una applicazione in grado di contenere i dati di ogni passeggero, condividendo in tempo reale con aerolinee e governi le informazioni su tamponi effettuati o eventuali vaccini.

Cos’è il passaporto sanitario digitale e come funziona

Attualmente le regole per entrare nei vari Paesi cambiano costantemente e rapidamente, i tamponi sono costosi e spesso ci vogliono diversi giorni per ottenere il risultato della prova, e inoltre l’obbligo di quarantena di 14 giorni all’arrivo scoraggia turisti e viaggiatori a partire verso altre destinazioni.

Per tornare alla normalità nel 2021 e aiutare il settore del turismo a riprendersi dalla crisi in seguito alla pandemia, si sta pensando all’introduzione di un passaporto sanitario Covid, una applicazione da scaricare sul proprio smartphone dove sarà possibile trovare facilmente tutti i requisiti per entrare in un determinato Paese, i laboratori nelle vicinanze per effettuare test e tamponi e le informazioni riguardanti al viaggio.

Verranno inoltre condivise le informazioni relative al vaccino, quando sarà ovviamente disponibile e accessibile a tutta la popolazione.

Questi dati saranno quindi resi disponibili in tempo reale sull’app e comunicati a compagnie aeree e governi, tramite un codice QR da scaricare sul proprio telefono e mostrare al momento di imbarcarsi sull’aereo, senza però violare la privacy dei viaggiatori.

Nello specifico il funzionamento della app o passaporto sanitario digitale Covid verrà suddiviso in 4 parti:

  • Registro globale con i requisiti sanitari come test e vaccini necessari per entrare in ogni Paese;
  • Registro globale dei laboratori certificati dove effettuare test e/o vaccino nella città o nelle vicinanze dell’aeroporto di partenza;
  • Lab app, una sezione dedicata per individuare laboratori autorizzati alla condivisione, in tutta sicurezza e nel rispetto della privacy, dei risultati del tampone o certificazione del vaccino;
  • Modulo passaporto digitale per creare un codice QR o altro metodo simile da utilizzare come carta d’imbarco durante il viaggio.

Così facendo si spera di snellire le procedure di imbarco e ridurre al minimo i contatti in aeroporto, e cosa più importante dare una spinta al turismo eliminando l’obbligo di quarantena una volta arrivati a destinazione.

IATA Travel pass

Le varie applicazioni saranno gratuite per i passeggeri e a pagamento per le aerolinee; alcune compagnie stanno già testando questo nuova modalità di viaggiare in sicurezza, e si pensa ad un lancio ufficiale per il mese di marzo 2021 per quanto riguarda l’applicazione studiata dall’International Air Transport Association (IATA).

La IATA ha condiviso una nota sul sito ufficiale dichiarando che l’app sarà disponibile a marzo 2021 e che con questa iniziativa spera di aiutare i governi di tutto il mondo a riaprire le frontiere senza obbligo di quarantena all’arrivo.

Le compagnie aeree Singapore Airlines e British Airways hanno già cominciato a testare la app su alcune tratte del loro network, mentre Emirates ed Etihad Airways la utilizzeranno a quanto pare a partire da aprile 2021.

passaporto sanitario CovidPin

Sarà obbligatorio il vaccino per volare con il passaporto sanitario Covid?

Alcune aerolinee come Qantas stanno studiando di rendere obbligatorio il vaccino sui propri voli, anche se per il momento sembra molto difficile implementare una restrizione simile, mentre invece Ryanair oppure la tedesca Lufthansa hanno dichiarato che non sarà indispensabile essere vaccinati per poter volare a bordo dei loro aerei.

IATA vuole ribadire che sono i governi a stabilire le regole relative ai requisiti di ingresso per i viaggiatori, le compagnie aeree devono ovviamente accettare le decisioni, ma per il momento non esiste l’obbligo del vaccino contro il Covid-19 per poter viaggiare.

Esistono inoltre altre applicazioni con un funzionamento simile al passaporto sanitario Covid ideato da IATA, vediamo quali sono:

AOKPass

La compagnia di bandiera italiana Alitalia sta già usando l’app AOKPass su alcune rotte tra Roma e New York; la tecnologia registra il risultato del tampone, lo condivide con compagnia aerea e governo (italiano e statunitense) e permette di evitare la quarantena all’arrivo.

CommonPass

Il funzionamento è molto simile anche per l’app CommonPass sviluppata dal World Economic Forum, un passaporto sanitario digitale accessibile facilmente da smartphone e tablet per volare in tutta sicurezza.

Digital Health Pass

Sviluppata da IBM e dedicata non solo al mondo del turismo ma anche ad eventi sportivi e culturali come partite di calcio, concerti, opere teatrali e simili, il Digital Health Pass si pone come obiettivo quello di aiutare la società al ritorno graduale alla normalità, condividendo con organizzazioni e compagnie lo stato di salute di ogni persona.

Le opinioni sul travel pass

Dando un’occhiata a questa discussione su Tripadvisor, la maggior parte degli italiani sembrano non essere d’accordo con l’arrivo del passaporto sanitario digitale o Travel Pass, dichiarando incostituzionale una misura del genere.

Gianluca Orlandi

Viaggio con solo bagaglio a mano dal 2013 e cerco di farlo sempre spendendo il meno possibile. Su questo blog di viaggi condivido consigli, trucchi, guide sulle principali compagnie aeree e articoli sulle città e Paesi che ho visitato personalmente. Segui le mie avventure in giro per il mondo su Facebook e Instagram oppure su Google News cliccando questo link e selezionando la stellina in alto a destra. Questo articolo ti è stato d'aiuto? Sostieni il blog al costo di un caffè e scrivimi nei commenti se hai altre domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *